LE OSTEOPATIE METABOLICHE NEL PAZIENTE RENALE
LE OSTEOPATIE METABOLICHE NEL PAZIENTE RENALE
10
Set

LE OSTEOPATIE METABOLICHE NEL PAZIENTE RENALE

Le fratture da fragilità sono comuni nei pazienti con malattia renale cronica (CKD): si verificano più precocemente e con una maggior frequenza rispetto alla popolazione generale e comportano elevata morbilità, mortalità e costi. Ancora oggi non sono completamente chiare le cause che rendono tali pazienti ad alto rischio di fratture da fragilità. Oltre al disordine sistemico del metabolismo minerale (CKD-MBD: Chronic Kidney Disease-related to Mineral Bone Disorders) sembra avere un ruolo anche lo stato di tossicità uremica (osteoporosi uremica) che va ad alterare soprattutto la bone quality. Non sono ancora ben chiari inoltre gli effetti del frequente ricorso al trattamento cortisonico ed il bilancio rischio/beneficio dei trattamenti con vitamina D ed anti-osteoporotici in questi pazienti.

Scopo di questo convegno è di fare il punto con il contributo di grandi Esperti sugli aspetti epidemiologici, patogenetici, laboratoristici, diagnostici e terapeutici del coinvolgimento osseo nel corso delle diverse CKD-MDB, comprese le tubulopatie e la nefrolitiasi. Grande spazio sarà dato alla discussione interattiva e di casi clinici.

Prof. Giovanni Gambaro

Professore Ordinario di Nefrologia

Prof. Maurizio Rossini

Professore Ordinario di Reumatologia

Università degli Studi di Verona Università degli Studi di Verona

 

COME RAGGIUNGERE LA SEDE DEL CONVEGNO

La Società Provider Everywhere s.r.l. Unipersonale (ID 683) sulla base delle normative vigenti ha assegnato all’Evento n. 4 crediti formativi ECM per 50 Medici Chirurghi di tutte le discipline.

Obiettivo formativo: Documentazione clinica. Percorsi clinico-assistenziali diagnostici e riabilitativi, profili di assistenza – profili di cura.

In auto: dal casello di Verona Sud seguire le indicazioni per il centro; proseguire sempre dritto per Viale delle Nazioni, Viale del Lavoro e Viale Piave fino a passare sotto il ponte della ferrovia; al semaforo adiacente Porta Nuova proseguire sempre dritto tenendo il monumento sulla sinistra; al secondo semaforo di Corso Porta Nuova svoltare a destra ed imboccare la rampa del parcheggio Cittadella (a pagamento: per info e tariffe www.apcoa.it/parking-in/verona/cittadella.html) sita al centro della carreggiata; l’ingresso della sede congressuale è sulla destra dell’uscita pedonale del parcheggio.

In treno: la stazione di Verona Porta Nuova dista 2 Km. dalla sede congressuale.

 

Data

10/09/2020
 

Iscrizioni

Evento passato
 
 
 

Condividi